Indiculus superstitionum et paganiarum (VIII sec.)

L’Indiculus superstitionum et paganiarum è un elenco di pratiche pagane in uso nell’VIII secolo e testimonia una trentina di pratiche diffuse tra i frisoni e i sassoni; L’Autore, probabilmente egli stesso un sassone convertito al Cristianesimo, è anonimo. Il testo è in latino ma tramanda alcune delle prime parole in olandese. Lo avevo già pubblicato nella rivista virtuale che curavo un paio di anni fa, ma ritenendolo estremamente interessante ho pensato di renderlo nuovamente disponibile.

Esiste una pagina di wikipedia in olandese consultabile al link: Indiculus superstitionum et paganiarum
Di seguito il testo latino e la traduzione.

Indiculus superstitionum et paganiarum

1) De sacrilegio ad sepulchra mortuorum.
2) De sacrilegio super defunctos id est dadsisas.
3) De spurcalibus in Februario.
4) De casulis id est fanis.
5) De sacrilegiis per aecclesias.
6) De sacris siluarum quae nimidas vocant.
7) De hiis quae faciunt super petras.
8) De sacris Mercurii, vel Iovis.
9) De sacrificio quod fit alicui sanctorum.
10) De filacteriis et ligaturis.
11) De fontibus sacrificiorum.
12) De incantationibus.
13) De auguriis vel avium vel equorum vel bovum stercora vel sternutationes.
14) De divinis vel sortilogis.
15) De igne fricato de ligno id est nodfyr.
16) De cerebro animalium.
17) De observatione pagana in foco, vel in inchoatione rei alicuius.
18) De incertis locis que colunt pro sacris.
19) De petendo quod boni vocant sanctae Mariae.
20) De feriis quae faciunt Jovi vel Mercurio.
21) De lunae defectione, quod dicunt Vinceluna.
22) De tempestatibus et cornibus et cocleis.
23) De sulcis circa villas.
24) De pagano cursu quem yrias nominant, scissis pannis vel calciamentis.
25) De eo, quod sibi sanctos fingunt quoslibet mortuos.
26) De simulacro de consparsa farina.
27)De simulacris de pannis factis.
28) De simulacro quod per campos portant.
29) De ligneis pedibus vel manibus pagano ritu.rite”
30) De eo, quod credunt, quia femine lunam comendet, quod possint corda hominum tollere juxta paganos.

Indiculus superstitionum et paganiarum

1) Sacrificio ai sepolcri dei morti;
2) Sacrificio sui cadaveri (dadsisas);
3) Celebrazioni paganeggianti nel mese di febbraio, con l’uccisione di maiali;
4) Delle cappelle e dei templi pagani;
5) Sacrilegi commessi nelle chiese (canti e danze);
6) Culto delle foreste;
7) Culto delle pietre;
8) Sacrifici a Mercurio e a Giove;
9) Sacrifici offerti a santi;
10) Filatteri e le legature magiche da portare allacciati al braccio o alla
14) Divinazioni e sortilegi;
15) Il Nydfyr, cioè il fuoco prodotto da legno sfregato con legno;
16) L’esame del cervello degli animali;
17) Venerazione del fuoco;
18) Luoghi incerti che si venerano come luoghi santi:
19) L’uso dell’erba chiamata Santa Maria (cui si attribuisce potere magico);
20) Le feste fatte per Giove o Mercurio;
21) Riti in occasione dell’eclissi di luna;
22) Tempestari e quelli che consacrano gli amuleti o distillano filtri;
23) Solchi tracciati attorno ai villaggi (i quadri magici);
24) Corse pagane in onore di Freia;
25) Culto dei cadaveri;
26) Idoli di pane;
27) Idoli fatti di panno;
28) Idoli portati nei campi;
29) Mani e piedi di legno, fatti secondo i riti pagani;
30) Credenza nel fatto che le donne mangino la luna e possano togliere il cuore agli uomini.

Fonte: Franco Cardini, Magia, stregoneria, supersizioni nell’occidente medievale, La Nuova Italia, 1979, p. 197-198.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.