Li sohaiz desvez

O il folle sogno, come si tradurrebbe. O… la fiera dei cazzi. Si, proprio così.77e84f422fa1488f3fde25e317790dd9

Si pensa spesso al medioevo come un periodo cupo, buio, infarcito degli exempla di santi, teologi e martiri. Mai una licenza, mai una storia boccaccesca, sempre e solo trionfi del macabro o, se va bene, bianchi paladini della fede alla ricerca del Graal o poeti che pitturano affreschi monumentali in onore Dama Sapienza o delle varie dame-virtù. A leggere certi libri viene da chiedersi come abbiamo fatto ad arrivare fino ad oggi… Tra la mortalità infantile, le epidemie, le carestie, le guerre e soprattutto col rifiuto del corpo, e in particolar modo della sessualità, ci si meraviglia della crescita demografica costante dell’Occidente.

Eppure anche nel medioevo erano dei bei porconi, anche se a scuola non ce lo dicono. Esiste un vasto corpo di miniature che testimoniano di come la sessualità fosse presente nel pensiero dell’uomo medievale, persino dei monaci celati al buio degli scriptorium (anzi, in particolare dei monaci, dato che erano in pochi a saper scrivere oltre a loro).

ku-xlargePropongo la lettura di un testo incredibilmente divertente, persino osceno in alcuni punti. Fresco e gustoso come se fosse stato scritto oggi. È opera di  Jean Bodel (1165 – 1210) “trouvère français”, trovatore francese, e narra di come un mercante torni a casa dopo un lungo viaggio. La moglie lo attende trepidante, sognando già il segreto del talamo nuziale. Lo accoglie a casa e gli prepara la cena, gli versa del vino, troppo vino… tanto che alla fine lui si addormenta. Ben altro (e più osceno) sogno, allora, resta in sorte alla moglie. E qui mi fermo, o rovino il gusto della lettura. Ma non manco di sottolineare il delizioso, comicissimo, finale del fabliau (così si chiamavano i racconti francesi del medioevo) con il marito, che una volta messo al corrente del sogno, domanda alla sposa «che prezzo avrebbe avuto alla festa/questo che tenete in mano vostra?» e si può ben immaginare a cosa si riferisca… Testi di questo genere erano tutt’altro che rari, se in questo si assiste al “mercato dei cazzi” ve ne sono che raccontano perfino del “mercato delle corna“…

Il testo è quello dell’edizione classica Fabliaux et Contes des poètes françois des XI, XII, XIII, XIV et XVe siècles, tirès des melleurs auters pubblicato da Crapelet (Paris) nel XIX secolo. La traduzione è quella curata da Rosanna Brusegna per Einaudi nel 1980 (Fabliaux, racconti francesi medievali).1

Li sohaiz desvez

1 D’une avanture que je sai,
que j’ai oï conter à Douai,
vos conterai briement la some,
q’avint d’une fame et d’un homme
5 ne sai pas de chascun lo non.
Preudefame ert, et il prodom,
mais tant vos os bien afichier
que li uns ot l’autre mout chier.
Un jor ot li prodom a faire
10 fors do païs: en son afaire
fu bien trois mois fors de la terre
por sa marcheandise querre.
Sa besoigne si bien li vint
que liez et joianz s’an revint
15 a Douai, un joudi anuit.
Ne cuidiez pas que il anuit
sa fame, qant ele lo voit:
tel joie, con ele devoit,
en a fair con de son seignor:
20 ainz mais n’en ot joie graignor.
Qant l’ot acolé et baisié,
un siepe bas et aaisié
por lui aaisier li apreste,
et la viande refu preste,
25 si mangierent qant bon lor fu,
sor un coisin, delez lo fu
qui ardoit cler et sans fumiere.
Mout i ot clarté et lumiere;
deus mes orent, char et poissons,
30 et vin d’Aucerre et de Soissons,
bianche nape, saine viande.
De servir fu la dame engrande:
son seignor donoit dou plus bel
et lo vin a chascun morsel
35 por ce que plus li atalant.
Mout ot la dame bon talant
de lui faire auques de ses bons,
car elle i ratandoit les suens
et sa bien venue a avoir;
40 mais de ce ne fist pas savoir
que del vin l’a si enpressé
que li vins l’i a confessé,
et qant vint au cochier el lit,
qu’il oblia l’autre delit;
45 mais sa fame bien en sovint
qui delez lui cochier se vint;
n’atandi pas qu’i la semoigne,
tote ieri preste de la besoigne.
Cil n’ot cure de sa moillier,
50 qui lo joer et lo veillier
soufrist bien encor une piece.
Ne cuidiez pas la dame siece,
qant son seignor endormi trove:
«Ha! – fait ele, – com or se prove
55 au fuer de vilain puant ort,
qu’il deüst veillier, et il dort!
Mout me torve or a grani anui;
deus mois a que je avoc lu
ne jiu, ne li avoques mi,
60 or l’ont deiable endormi,
a cui je l’otroi sanz deffance».
Ne dit mie qanqu’ele panse
la dame, ains revoise et repont,
car sa pansee la semont;
65 mais ne l’esvoille ne ne bote
qu’i la tenist sanpres a glote.
Par cele raison s’est ossee
del voloir et de la pansee
que la dame avoit envers lui:
70 s’andort par ire et par anui.
El dormir, vous di sanz mençonge
que la dame sonja un songe,
q’ele ert a un marchié annel.
Ainz n’oïstes parler de tel!
75 Ainz n’i ot estal ne bojon,
ne n’i ot loge ne maison,
changes, ne table, ne repair,
o l’an vandist ne gris ne vair,
toile de lin, ne draus de laine,
80 ne alun, ne bresil, ne graine,
ne autre avoir, ce li ert vis,
fors solemant coilles et viz.
Mais de cez i ot sanz raisons:
plaines estoient les maisons
85 et les chambres et li solier,
et tot jorz venoient colier
chargiez de viz de totes parz,
et a charretes et a charz.
Ja soit ce c’assez en i vient,
90 n’estoient mie por noiant,
ainz vandoit bien chascuns lo suen.
Por trente saus l’avoit en buen,
et por vint saus et bel et gent.
Et si ot viz a povre gent:
95 un petit avoit en deduit
de dis saus, et de neuf et d’uit.
A detail vandent et en gros:
li meillor erent li plus gros,
li plus chier et li miauz gardé.
100 La dame a par tot resgardé,
tant s’est traveilliee et penee
c’a un estal est asenee
qu’ele en vit un gros, un lonc,
si s’est apoiee selonc.
105 Gros fu darriere et gros par tot,
lo musel ot gros et estot;
se lo voir dire vos en voil,
l’an li poïst giter en l’oil
une cerise de plain vol
110 n’arestast, si venist au fol
de la coille, que il ot tele
com lo paleron d’une pele,
c’onques nus hom tele ne vit.
La dame bargigna lo vit,
115 a celui demanda lo fuer:
“Se vos estiiez or ma suer,
n’i donriiez mains de deus mars.
Li viz n’est povres ne eschars,
ainz est li miaudres de Laranie,
120 et si a coille loreanie
qui bien fait a uan d’aumaje:
prenez lou, si feroiz que saje,
fait cil, demantres qu’an vos proie.
– Amis, que vaudroit longue broie?
125 Se vos i cuidiez estre saus,
vos en avroiz cinquante saus;
jamais n’en avroiz tant nuleu,
et si donrai lo denier Deu,
que Deus m’an doint joie certaine!
130 – Vos l’avroiz, fait il, por l’estraine,
que ver vos ne me voil tenir.
Et tot ce m’an puist avenir
qu’a l’essaier m’an orerez:
je cuit qu’ancor por moi direz
135 mainte oreison et mainte salme!”
Et la dame hauce la paume,
si l’a si duremant esmee.
Qant cuide ferir la pamee,
son seignor fiert, mout bien l’asene
140 de la paume delez la caine
que li cinq doiz i sont escrit.
La paume li fremie et frit
del manton deci q’an l’oroille,
et cil s’esbaïst, si s’esvoille
145 et en son esveillier tressaut.
Et la dame s’esvoille et saut,
qui encor se dormist, son vuel,
car sa joie li torne a duel.
La joie en veillant li eslonge
150 don ele estoit dame par çonge:
por ce dormist, son voil, encor!
«Suer, — fait il, — car me dites or
que vous songïez a cel cop,
que vous me donastes tel cop?
155 Dormïez o veilliez donques?»
«Sire, je ne vous feri onques, —
fait cele, — nel dites jamais.
Tot par amor et tot en pais».
«Par la foi que devez mon cors
160 me dites que vous sambla lors
ne lo laissiez por nule rien».
Tot maintenant, ce sachiez bien,
conmança la dame son conte,
et mout volantiers o a enviz
165 conmant ele sonja les viz,
conment erent mauvais et buen,
comment ele acheta lo suen
lo plus grous et lo plus plenier
cinquante sous et un denier.
170 «Sire, — fait ele, — ensin avint:
lo marchié palmoier covint;
qant cuidai ferir en la main,
vostre joe feri de plain;
si fis conme fame endormie.
175 Por Deu ne vous coreciez mie,
que se je ai folle faite,
et je m’en rant vers vous mesfaite,
si vous en pri merci de cuer».
«Par ma foi, — fait il, — bele suer,
180 je vous pardoin, et Deus si face».
Puis facole estroit et enbrace,
et li balsa la buche tandre;
et li viz li conmance a tandre
que cele l’eschaufe et enchante.
185 Et cil en la paume li piante
lo vit. Qant un po fu finez:
«Suer, — fait il, — foi que me devez,
ne se Deus d’anor vous reveste,
que vausist cestui a la feste,
190 que vos tenez en vostre main?»
«Sire, se je voie demain,
qui de teus en aüst plain cofre,
n’i trovast qui i meïst ofre
ne qui donasi gote d’argent;
195 nes li vit a la povre gent
estoient tel que uns toz seus
en vaudroit largemant ces deus
teus con il est; or eswardez
que la ne fusi ja regardez
200 de demande prés ne de loin ».
«Suer, — fait il, — de ce n’ai je soin,
mais pran cestui et lai toz çaus
tant que tu puisses faire miaus».
Et ele si fist, ce me sanale;
205 la nuit furent mout bien ensanble,
mais de ce lo tieng a estot
que l’andemain lo dist par tot,
tant que lo sot Johans Bodiaus,
uns rimoieres de flabiaus,
210 et por ce qu’il li sanbla boens,
si l’asenbla avoc les suens.
Por ce que plus n’i fist alonge,
fenist la dame ci son conte.
1 Di un’avventura che conosco
e ho sentito narrare a Douai,
vi racconterò brevemente il succo:
cosa accadde a una donna e a un uomo,
5 di cui però non so dirvi il nome.
Erano brava gente, sia lui che lei,
ma posso ben assicurarvi
che si amavano molto l’un l’altra.
Un giorno il brav’uomo ebbe da sbrigare
10 una faccenda fuori dal paese;
mancò ben tre mesi dalla sua terra
per rifornirsi di mercanzia.
Gli affari gli andarono così bene
che se ne tornò felice e contento
15 a Douai, un giovedì notte.
Non crediate che la sposa
se ne dispiacesse quando lo vide:
fece tante di quelle feste al marito,
com’era poi anche suo dovere,
20 che lui non ne ebbe mai gioia maggiore.
Quando l’ebbe abbracciato e baciato,
gli preparò un seggio basso e comodo
perché potesse stare a suo agio;
la cena era pronta da un pezzo:
25 mangiarono a sazietà
su un cuscino, accanto al fuoco
che ardeva chiaro e senza fumo.
Tutto risplendeva a quella luce.
Ebbero due portate, carne e pesce
30 e vino d’Auxerre e di Soissons,
una bianca tovaglia, del buon cibo.
La dama lo serviva sollecita:
dava il meglio al marito,
e gli versava il vino a ogni boccone
35 perché ne avesse maggior piacere.
La donna desiderava molto
offrirgli un po’ dei suoi favori,
perché aspettava i suoi in cambio
e che le facesse buona accoglienza;
40 ma in una cosa non fu molto accorta:
lo riempi talmente di vino
che il bere l’addomesticò bene
e quando andò a mettersi a letto,
dimenticò quell’altro piacere.
45 Ma se ne ricordò bene la moglie
che venne a coricarsi al suo fianco;
lei non attese il suo invito,
era già tutta pronta per la cosa.
Ma lui non si curò della sposa
50 che per il desiderio e la veglia
si arrovellò ancora un bel pezzo.
Non crediate che lei fosse contenta
quando trovò il marito addormentato:
«Ah! — esclama, — come ora si dimostra
55 il villano sporco e fetente che è:
dovrebbe star sveglio e invece dorme!
Questo non mi piace affatto,
sono due mesi che non giaccio
con lui e lui non giace con me.
60 Sono i diavoli che l’hanno addormentato
ora, ma vada pure al diavolo!»
La dama non dice affatto quello
che pensa, anzi, soppesa e respinge
i pensieri che la mente le suscita,
65 ma non lo sveglia né lo tocca:
la riterrebbe un’insaziabile.
Per questa ragione la dama
si è liberata dal pensiero
e dal desiderio che ha del marito:
70 per la rabbia e il dispiacere s’addormenta.
E, nel sonno, ve lo dico per davvero,
la dama fece un sogno:
era a una fiera annuale,
mai udiste parlare d’una simile;
75 ma non c’erano stalli né aune,
non c’erano logge né botteghe,
né cambi né tavole né tettoie
con pelli di vaio o di grigio da vendere;
né tele di lino né drappi di lana
80 né allume né tintura né cocciniglia
né altre cose, così le sembrava,
c’erano solo cazzi e coglioni,
ma di questi ce n’erano a profusione.
Piene ne erano le case
85 e le stanze e le soffitte
e tutti i giorni venivano carrettieri
carichi di cazzi da ogni parte,
con carri e carrette.
E anche se ne arrivano a frotte,
90 non venivano mica per niente,
anzi, ciascuno vendeva bene il suo.
Per trenta soldi ne avevi uno pregiato
e per venti uno bello e ben fatto,
e c’erano cazzi per la povera gente:
95 uno piccolo te lo godevi
per dieci soldi, nove e otto.
Vendevano al dettaglio e all’ingrosso;
i migliori erano i più grossi,
i più cari e i più ricercati.
100 La dama mise il naso dappertutto:
tanto ha fatto e tanto ha penato
che si fa strada fino a un banco:
ne ha visto uno grosso e lungo!
Si appoggia lì vicino:
105 è grosso dietro e grosso dappertutto,
ha il muso grande e gagliardo.
A dirvi proprio la verità,
uno potrebbe lanciargli nell’occhio
una ciliegia in pieno volo:
110 senza fermarsi arriverebbe al sacco
delle palle che erano simili
alla paletta di un badile,
nessuno ne vide mai di simili.
La dama contrattò il cazzo;
115 domandò il prezzo a quegli:
«Se ora voi foste mia moglie
non paghereste meno di due marchi:
questo non è da poco né scarso,
anzi, è il migliore della Lorraine,
120 anche le palle sono lorensi:
hanno fatto un buon lavoro quest’anno!
Prendetelo, non ve ne pentirete, —
fa quello, — dato che vi si prega».
«Amico, a che servirebbero tante storie?
125 Se credete che possano bastare,
vi darò cinquanta soldi;
non ne avrete mai tanti in nessun luogo,
e in più vi darò un supplemento,
che Dio mi conceda gioia sicura».
130 «è quasi regalato, — risponde quello: —
con voi non voglio insistere
e che mi possa capitare tutto
quello che mi augurerete di provare.
Credo che direte ancora per me
135 più d’una preghiera e d’un salmo».
Allora la dama alza la mano
e gliela schiaffa contro con tal forza
che crede di battergli la mano
e invece colpisce il marito,
140 gli assesta un tal ceffone sulla guancia
che vi lascia scritte le cinque dita.
Per lo schiaffo lei trema e brucia
dal mento fino alle orecchie,
e lui per lo spavento si sveglia,
145 e, svegliandosi, sobbalza,
così si sveglia e salta su arche lei
che dormirebbe ancora a volontà,
perché la gioia le si cambia in dolore.
Con la veglia se ne va anche il piacere
150 che lei aveva in sogno: per questo
dormirebbe ancora a volontà.
«Cara, — fa il marito, — ori ditemi
cosa sognavate nel momento
in cui mi deste un tal colpo.
155 Dormivate o eravate sveglia?»
«Signore, io non vi ho mai colpito,
—risponde lei, — non ditelo più,
per il nostro amore e buon accordo».
«Per la fiducia che avete in me,
160 ditemi cosa avete visto allora,
non nascondetelo per nessuna ragione».
La dama cominciò subito
il suo racconto, sappiatelo bene,
gli raccontò ben volentieri
165 come vide in sogno i cazzi,
come ce n’erano di belli e di brutti,
come vi comperò il suo,
il più grande e il più grosso,
per cinquanta soldi e un denaro.
170 «Signore, — fa, — è successo così:
al momento di concludere l’affare,
quando credetti di battergli la mano
colpii voi alla guancia con forza;
l’ho fatto mentre dormivo.
175 Per Dio, non adiratevi
se ho agito da insensata
e mi rendo colpevole verso di voi,
vi chiedo perdono di cuore».
«Ma certo, mia cara, — fa lui, —
180 vi perdono io e vi perdoni Iddio!»
Poi l’abbraccia, la cinge stretta
e le bacia la bocca tenera,
e l’uccello gli comincia a tirare
al calore delle sue carezze.
185 Poi glielo pianta in mano
e quand’è un po’ soddisfatto:
«Cara, — fa, — per la fede che mi dovete,
che Dio vi carichi di onori,
che prezzo avrebbe avuto alla festa
190 questo che tenete in mano vostra?»
«Signore, possa arrivare a domani,
chi di tali ne avesse una cassa piena
non troverebbe uno che faccia un’offerta
né che sborsi l’ombra di un soldo;
195 perfino i cazzi della povera gente
erano tali che uno solo
sarebbe valso il doppio e anche di più
di questo così com’è, e notate
che lì il vostro non avrebbero stimato
200 richiederlo, né lì né altrove».
«Cara, — fa lui, — non me ne importa,
ma prendi questo e lascia tutti gli altri
finché tu possa fare di meglio».
E lei fece così, mi pare.
205 La notte giacquero molto bene insieme,
ma ebbe un bel coraggio, trovo,
ché l’indomani lo raccontò dappertutto,
finché lo venne a sapere Jean Bodel,
un rimatore di fabliaux,
210 che, trovandolo niente male,
lo aggiunse ai suoi.
Per non tirarla troppo per le lunghe,
la dama finisce qui il suo racconto.

 

[1]Si noterà come il testo sia caratterizzato dall’alternarsi di tempi verbali tipico della letteratura francese medievale.

Potrebbe interessarti

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.